27 gennaio GIORNO DELLA MEMORIA

Il 27 gennaio è il giorno in cui ricordiamo l’apertura del cancello del campo di sterminio nazista di Auschwitz-Birkenau nel 1945. Il campo dove furono gasati e poi bruciati tra 1 milione e 1,3 milioni di esseri umani per la stragrande maggioranza ebrei ma anche omosessuali, disabili, testimoni di Geova, Rom e Sinti, antifascisti, antinazisti, oppositori.

E altri 6 milioni subirono la stessa sorte di eccidio e annientamento.

Il ricordo è il nostro dovere.

Non possiamo dimenticare che furono esseri umani come noi, in carne ed ossa, a commettere quel crimine assoluto contro l’umanità, ed esseri umani come noi coloro che furono uccisi. Ed esseri come noi coloro che prima privarono della libertà, e poi rinchiusero, arrestarono, torturarono, separarono, e infine deportarono, gasarono, fucilarono, bastonarono altri esseri umani, a milioni.

Noi ricordiamo oggi per non dimenticare mai di cosa può essere capace l’uomo, perché ora come allora potrebbe accadere di nuovo. Se noi dimenticheremo.

Iscriviti alla newsletter